Social Bond di UBI per AISM

Scopri il Social Bond UBI Comunità per AISM

UBI Banca ha annunciato l’emissione del Social Bond “UBI Comunità per Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus” a sostegno di un progetto di riabilitazione per persone con SM secondariamente progressiva (SM_SP).

UBI Banca annuncia l’emissione del prestito obbligazionario solidale “UBI Comunità per Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus” per un ammontare complessivo di 20 milioni di Euro.

Lo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni collocate andrà a beneficio del progetto di AISM che sosterrà attività riabilitative e di supporto a persone con SM secondariamente progressiva (SM-SP).

Questa forma di sclerosi multipla (SM-SP) porta spesso a disturbi della deambulazione e alla necessità di un ausilio per poter camminare. L’obiettivo di questo progetto è monitorare l’effetto della riabilitazione nelle persone con SM secondaria progressiva, (SM_SP) per aumentare l’efficacia attraverso l’utilizzo di un bastone sensorizzato. Grazie all’utilizzo di questo bastone il paziente ha un feedback sulla qualità del suo cammino e la valutazione dell’impatto del trattamento riabilitativo con tecniche di monitoraggio della funzionalità della corteccia encefalica grazie a strumentazioni di neuro-fisiologia. Il progetto coinvolgerà, in questa prima fase, 24 beneficiari diretti, per poi essere esteso, in caso di esito positivo, ad altri 55.000 malati.

Lavorando sull’autonomia della persona con sclerosi multipla, l’impatto di questo progetto trascende la sfera personale del malato, andando a migliore la qualità della vita delle persone affette da SM e dei loro famigliari, oltre a ridurre/ottimizzare le spese sostenute dal Sistema Sanitario Nazionale in relazione al trattamento riabilitativo di persone con SM secondaria progressiva.

“Da quando è nata nel 1968 – commenta Mario A. Battaglia, Direttore Generale Associazione Italiana  Sclerosi Multipla – AISM è sempre stata l’Associazione “delle” persone con sclerosi multipla capaci di diventare protagoniste attive della propria vita e risorse per l’intera società. La “Carta dei Diritti delle Persone con SM”, pubblicata nel 2014, e “L’Agenda della Sclerosi Multipla 2020” lanciata nel 2015 chiamano oggi tutti gli stakeholder coinvolti nella SM a realizzare insieme cento concrete priorità per produrre un cambiamento reale nella qualità di vita delle persone. Il progetto, portato avanti con il sostegno di UBI, conferma l’approccio da sempre promosso da AISM affinché ogni azione realizzata venga misurata e rappresenti un vero e proprio investimento che garantisce un ritorno importante per tutti, un impatto significativo nella vita delle 110.000 mila persone con SM d’Italia ma anche capace di creare un nuovo valore sociale che arricchisce tutta la comunità civile in ogni territorio”.

“Da cinque anni riscontriamo un crescente interesse per i Social Bond da parte dei nostri clienti, investitori e organizzazioni non profit. Anche i mezzi di informazione sono sempre più consapevoli, e i cittadini sempre più informati, dell’evoluzione dell’economia civile. La stessa Riforma del Terzo Settore punta a promuovere strumenti di finanza sociale come i titoli di solidarietà, a conferma della validità dei nostri Social Bond” – sostiene Frederik Geertman, Chief Commercial Officer di UBI Banca. “Come UBI Banca siamo orgogliosi di essere fra i leader nel percorso di creazione di un welfare plurale, supportato dalle innovazioni legislative, nel quale non solo lo Stato ma anche gli altri attori sociali possono avere un ruolo rilevante. Nel progetto di AISM, che abbiamo deciso di supportare con l’emissione di questo nuovo Social Bond, vediamo un esempio concreto di innovazione sociale e un nuovo approccio che potrà dare concreti vantaggi ai malati, ai loro famigliari, ai volontari e agli staff medici”.